Categorized | Familie und Kinder, Vordergrund, Soziale, Terrorism

(Italiano) Jihad, il rischio di radicalismo nella gioventù europea, Parigi 22/23 ottobre 2015

Posted on 06 November 2015 by Maria Rosa DOMINICI

Leider ist der Eintrag nur auf Italienisch verfügbar.



FB Comments

comments

Maria Rosa DOMINICI

About

psicologa,psicoterapeuta vittimologa,membro dell'Accademia Teatina delle Scienze,della New York Academy ofSciences,dell'International Ass. of Juvenile and Family Court Magistrates,della Società Italiana di Vittimologia,della W.S.V.,dell'Ass.internazionale di Studi Medico Psico Religiosi.,docente di seminari di sessuologia, criminologia e vittimologia in università Italiane e straniere,esperta per progetti Daphne su tratta di minori e sfruttamento sessuale,creatrice del progetto Psicantropos,autrice di varie pubblicazioni,si occupa di minori e reati ad essi connessi da 40 anni.

Tags | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

6 Responses to “(Italiano) Jihad, il rischio di radicalismo nella gioventù europea, Parigi 22/23 ottobre 2015”

  1. Karinne BRAGA FERREIRA Karinne sagt:

    Quando sn stata in Egitto mi hanno spiegato i 5 punti dell’islam, ma la percezione sugli atteggiamenti degli arruolati ha veramente arricchito tue osservazioni. Non stiamo lontani da questo pericolo, visto il vuoto familiare, riferenziali e emozionali dei giovani. Osservo un allontanarsi del ruolo dei genitori, dappertutto. Questa funzione è trasferirà a babysitter, nonni, ecc in grande danno per la salute emotiva e percezione del proprio valore del bambino. Percepisco ancora una mancanza di autorevolezza e firmeza dei genitori in mettere in atto regole e valori necessari ad una crescita sana, utile e con limiti in una società sempre più priva di solidarietà e responsabilità. C’è un vuoto di adulti con senso di compromesso sociale e umano. Sn d’accordo con te nel fatto che solamente riaquistendo il ruolo genitoriali, con un amore non autoritario, ma autorevole, firme e con guida sicura possa cambiare il panorama difficile che ci sta aprendo le nuove generazioni. Eccellente il tuo rapporto, chiaro e pieno di contorni giuridici, sociale e umano. Grazie di parteciparci questa bellissima esperienza.

    • Maria Rosa DOMINICI Maria Rosa DOMINICI sagt:

      Due donne,due persone sensibili che hanno sentito il vero motivo per cui l’estremismo può trovare terreno fertile in cui radicarsi…il vuoto della relazione che segue alla mancanza di comunicazione,il baratro economico che in una società del profitto rende i piu‘ deboli ,frustrati ,..che trovano rivalsa sulla ferocia…tutto ciò è l’orrore del..vuoto,dell’assenza,dell’onnipotenza…in cui l’altro non esiste,non ha consistenza nè contenuti,è privo di identità…quindi è un nulla che si può distruggere senza sensi di colpa,e l’altro nulla diventa qualcuno riflettendosi e realizzandosi in ciò che distrugge,grazie Catalina Pazminio,grazie Karinne Braga Fereira.

  2. Grazie per condividere, e' un tema che bisognarebbe socializarlo, parlarlo, analizarlo con cura ogni giono, senza dimenticare la storia politico economica che potrebbe essere una delle porte piu importante, non la unica certamente, per avicinarse a un tema cosi complicato e delicato.

  3. Maria Rosa DOMINICI Maria Rosa DOMINICI sagt:

    oggi,12 novembre il TG3 ha comunicato la grande operazione dei R.O.S CHE HANNO SCOPERTO COME ANCHE IN ITALIA VI SIANO ZONE DI RECLUTAMENTO DI JIHADISTI,si è scoperto un legame tra Oslo e la nostra nazione per quanto concerne il terrorismo,mai sottovalutare queste forme estreme di violenza

  4. Maria Rosa DOMINICI Maria Rosa DOMINICI sagt:

    oggi è il giorno dopo,ieri a Parigi è successo ciò di cui temevano i colleghi francesi,,questo articolo e l’impegno di tutti noi contro questo mondo del terrore è e sarà sempre contro la follia umana e il fanatismo che solo con atti di ferocia cerca di prevalere,ma in questo,in essa è la loro debolezza,non saranno mai eroi…sono e saranno criminali,solo rifiuti della società civile e sana

  5. Maria Rosa DOMINICI Maria Rosa DOMINICI sagt:

    mi permetto di pubblicarla qui,l’ho trovata su fb…penso che siano parole da dover leggere e su cui riflettere,grazie padre e marito sconosciuto,,,con l’odio si distrugge,con l’amore si costruisce

    LETTERA AI TERRORISTI di un marito e padre di un bimbo di 17 mesi che venerdì sera ha perso la moglie al BATACLAN
    „Non avrete mai il mio odio“!!!

    «Venerdì sera avete rubato la vita di una persona eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, eppure non avrete il mio odio. Non so chi siete e non voglio neanche saperlo. Voi siete anime morte. Se questo Dio per il quale ciecamente uccidete ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore. Perciò non vi farò il regalo di odiarvi. Sarebbe cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Voi vorreste che io avessi paura, che guardassi i miei concittadini con diffidenza, che sacrificassi la mia libertà per la sicurezza. Ma la vostra è una battaglia persa.

    L’ho vista stamattina. Finalmente, dopo notti e giorni d’attesa. Era bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando mi innamorai perdutamente di lei più di 12 anni fa. Ovviamente sono devastato dal dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma sarà di corta durata. So che lei accompagnerà i nostri giorni e che ci ritroveremo in quel paradiso di anime libere nel quale voi non entrerete mai. Siamo rimasti in due, mio figlio e io, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo andare da Melvil che si risveglia dal suo pisolino. Ha appena 17 mesi e farà merenda come ogni giorno e poi giocheremo insieme, come ogni giorno, e per tutta la sua vita questo petit garçon vi farà l’affronto di essere libero e felice. Perché no, voi non avrete mai nemmeno il suo odio».


Leave a Reply

adolescenti adolescenza Africa Ambiente ansa autostima Avaaz azioni bambini bologna Brasil brasile Brazil Carisma Denuncia Dipendenza diritto dominici entrevista famiglia genitori infanzia Manipolazione maria rosa Maria Rosa Dominici minori montes claros padre pedofilia persone Persuasione Prigionia progetto Rapporti interpersonali relazione Sette siria Soggezione psichica Suggestione syria tempo uomo violenza vita vittime

Sprache:

  • Italiano
  • English
  • Português
  • Deutsch

StatPress

All site visited since:
23 Juni 2019: _
Visits today: _
Visitor on line: 1
Total Page Views: _

Social

Archives