categoria | Famiglia e Minori, In primo piano, Sociali, Umana

STUPRATA E UCCISA A MARTELLATE A 8 ANNI. IMPLORÒ I KILLER: “VI PREGO, BASTA”

Inserito il 17 marzo 2012 da Maria Rosa DOMINICI

WOODSTOCK – La bimba, otto anni appena, è stata rapita, violentata, torturata e percossa con un martello fino alla morte. Poi il suo corpo martoriato, nudo dalla vita in giù, è stato seppellito. Il tutto seguendo un piano diabolico e già premeditato, dato che la coppia accusata della barbarie si è procurata sacchi di plastica nera e il martello prima di rapire dalla sua scuola a Woodsotck, Ontario, la loro futura vittima, la piccola Victoria Stafford. Terry Lyne McClintic, 18 anni, e il suo ragazzo Michael Rafferty, di 31 anni, stanno affrontando il processo che li vede imputati per l’orrendo delitto. Il ragazzo ha negato la sua responsabilità. La 18enne, invece, ha ammesso tutto. E dal suo racconto sono emersi dettagli inquietanti: di come la cosa è stata progettata, dell’implorazione della bimba, che ha pregato la 18enne di non lasciare che il ragazzo continuasse l’abuso, dei colpi battuti con violenza sul corpo della piccola.

La coppia, sotto l’effetto di droga, racconta la stessa 18enne co-imputata, ha comprato l’occorrente per la tortura in un negozio, dopo ha aspettato all’uscita della scuola che la vittima uscisse e l’ha convinta a salire in macchina con la scusa di farle vedere un cagnolino. “Sapevo quello che sarebbe successo e mi sono allontanata – ha raccontato davanti alla corte Terry -. Poi ho sentito urlare e piangere. Dopo un po’ la bimba mi ha chiamato, voleva andare in bagno. Era sanguinante e quando la ho accompagnata mi ha implorato: ‘Non lasciare che mi faccia ancora questo’. Io le ho promesso che non avrei permesso, ma poi non ce l’ho fatta”.

La donna racconta di come la violenza del suo ragazzo si sia abbattuta sulla giovane vittima. “Mi ha chiesto di stare con lei. Ho cercato di trattenere la mano, ma non potevo stare, perché sapevo cosa stava per accadere. Non potevo stare lì. Mi sono allontanata”. Poi il racconto straziante del sacco di plastica a coprire la testa della bimba, mentre veniva percossa a morte con il martello e infine sepolta. Dettagli di una barbarie, compita l’8 aprile del 2009, sulla quale deve ancora essere fatta giustizia.



FB Comments

comments

Maria Rosa DOMINICI

About

psicologa,psicoterapeuta vittimologa,membro dell'Accademia Teatina delle Scienze,della New York Academy ofSciences,dell'International Ass. of Juvenile and Family Court Magistrates,della Società Italiana di Vittimologia,della W.S.V.,dell'Ass.internazionale di Studi Medico Psico Religiosi.,docente di seminari di sessuologia, criminologia e vittimologia in università Italiane e straniere,esperta per progetti Daphne su tratta di minori e sfruttamento sessuale,creatrice del progetto Psicantropos,autrice di varie pubblicazioni,si occupa di minori e reati ad essi connessi da 40 anni.

Tags | , , , , , , , ,

Lascia un commento

adolescenti adolescenza Africa Ambiente ansa autostima Avaaz azioni bambini bologna Brasil brasile Brazil Carisma Denuncia Dipendenza diritto dominici entrevista famiglia genitori infanzia Manipolazione maria rosa Maria Rosa Dominici minori montes claros padre pedofilia persone Persuasione Prigionia progetto Rapporti interpersonali relazione Sette siria Soggezione psichica Suggestione syria tempo uomo violenza vita vittime

Lingua:

  • Italiano
  • English
  • Português
  • Deutsch

StatPress

All site visited to:
27 giugno 2017: _
Visits today: _
Visitor on line: 0
Total Page Views: _

Social