categoria | Diritti umani, Situazioni belliche, Terrorismo

Dar da bere agli assetati….

Inserito il 09 agosto 2013 da Maria Rosa DOMINICI

Dar da bere agli assetatiMi sembrava che fosse stato un UOMO di quei territori che avesse detto “DAR DA BERE AGLI ASSETATI…”purtroppo la realtà è questa che gli amici di Avaaz ci trasmettono..è vero ,ho visto con i miei occhi l’acqua per le piscine e la siccità per la Palestina,i corsi  una volta pieni  di acqua…ora pieni di polvere della Giordania,deprivati o contrallati da gestioni israelite delle fonti idriche,bloccate da dighe o deviate…basta arrivare a Betania,dalla parte giordana….,era il 10 gennaio 2010 e l’ho visto con i miei occhi e col mio cuore

Le immagini del piccolo Khaled che urla disperato mentre il padre viene portato via dalle forze di sicurezza israeliane sono difficili da mandare giù. Questa è la quotidianità per i palestinesi segregati in Cisgiordania, che vivono sotto il controllo militare. Ma sta crescendo sempre più un movimento nonviolento per la liberazione. E ha bisogno di noi. Impegnati subito a donare anche solo €4 per fornire avvocati, videocamere, formazione e comunicatori professionisti a questa resistenza locale e renderla così global:

Era stata la settimana più calda dell’anno. Tutto ciò che Fadel Jaber voleva era solo un po’ di acqua per la sua famiglia. Ma Fadel vive nella Cisgiordania occupata, dove il governo israeliano ha deviato le tubature dell’acqua in modo da rifornire le piscine degli insediamenti ebraici e lasciare senz’acqua le case palestinesi.

Quando le autorità israeliane hanno portato via con la forza Fadel per essere andato a prendere l’acqua, ovunque si poteva sentire il pianto di suo figlio Khaled di cinque anni che urlava disperato “baba, baba!” mentre portavano via suo papà. Questa è la quotidianità per i palestinesi che sotto il terribile controllo dell’esercito vivono senza i più basilari diritti umani e si sono visti sottrarre la terra e l’acqua in favore dei coloni. Ma ora dopo anni violenti e senza speranza sta crescendo un movimento, una resistenza nonviolenta che vuole le stesse cose che gli israeliani hanno già: libertà, dignità e uno Stato indipendente.

Per anni l’attenzione dei media è stata dedicata ai militanti palestinesi e oggi gli estremismi da entrambe le parti allontanano la pace sempre più. Ma in mezzo a tutto questo odio a rimetterci sono state le famiglie come quella di Fadel, che vogliono solo una vita normale. Ora quelle famiglie stanno reagendo organizzando marce pacifiche e sit-in, collaborando con gli attivisti israeliani per ottenere giustizia e libertà. In tutta risposta, l’esercito israeliano ha incarcerato e picchiato gli organizzatori arrivando anche a portare via i bambini dai loro stessi letti.

Alcuni giorni fa sono stata in Cisgiordania per incontrare queste persone pacifiche e coraggiose al tempo stesso. Quando ho proposto di mobilitare la nostra comunità per aiutarli i loro occhi si sono illuminati. Hanno bisogno di fondi per gli avvocati per reagire contro le incarcerazioni ingiustificate, videocamere per documentare gli abusi di cui sono vittime, formazione sull’uso dei media e delle tattiche nonviolente e attivisti per far diventare globale questa protesta locale. Queste famiglie sono la vera speranza. Impegnamoci a donare subito €4, se saremo abbastanza potremo sostenere questo movimento pacifico, facendolo prevalere sugli estremisti e costruendo per Khaled un futuro degno dei sogni di suo padre. Le promesse di donazione verranno fatte valere da Avaaz solo se si raggiungerà l’obiettivo minimo per portare un vero cambiamento:

https://secure.avaaz.org

Questa occupazione è andata avanti troppo a lungo, e per troppo a lungo la risoluzione del conflitto è stata gestita dai gruppi estremisti. Ora però, ci sono un paio di concetti su cui la maggior parte delle persone è d’accordo. Primo: sia i palestinesi che gli israeliani dovrebbero avere un proprio Stato; secondo: il trattamento ricevuto dai palestinesi nei territori occupati è un qualcosa che violenta il senso stesso di giustizia, dal diritto internazionale fino al senso comune. Persino inflessibili funzionari della sicurezza israeliana in pensione la pensano ormai così.

Il Governo israeliano attuale però sta solo peggiorando le cose. A parole appoggia i negoziati di pace e la soluzione dei due Stati, mentre nei fatti aumenta gli insediamenti in Cisgiordania, rendendo questa soluzione praticamente impossibile. Intanto nei territori occupati l’esercito sottopone la popolazione palestinese a delle leggi totalmente diverse da quelle cui rispondono i coloni, arrivando a imprigionare per dei mesi persino i ragazzini.

La speranza più concreta per porre fine a questa ingiustizia e arrivare finalmente alla pace è questo movimento di resistenza nonviolenta. Ecco una lista di cose che possiamo fare per aiutarli:

Mantenere il supporto legale, che è vitale per aiutare i leader del movimento a difendersi da accuse inventate e processi militari sommari;

Far arrivare degli esperti di disobbedienza civile provenienti da altre esperienze per condividere strategie e tattiche con le comunità locali;

Fornire strumentazione e formazione mediatica sia per documentare gli abusi sia per comunicare al mondo l’esistenza di questo movimento che porta nuovi stimoli e speranze nella regione;

Assoldare i migliori comunicatori per fornire supporto costante, organizzare azioni di grande portata in tutta la Cisgiordania e coinvolgere la comunità internazionale per trasformare il movimento da locale a globale;

Trasmettere in diretta le loro azioni nonviolente sul nostro sito e organizzare una giornata mondiale di mobilitazione.

La storia ci ha insegnato come in ogni parte del mondo i movimenti nonviolenti hanno liberato le popolazioni, dall’India di Ghandi agli Stati Uniti di Martin Luther King al Sudafrica di Nelson Mandela. Sappiamo che può funzionare, e comunque in questo caso è la nostra unica speranza. Questo movimento merita tutta la solidarietà internazionale possibile. Impegnati ora a fare una donazione e aiutaci a cambiare il corso della storia:

https://secure.avaaz.org/it/palestines_nonviolent_hope_loc/?btxNTbb&v=27763

La comunità di Avaaz è salda nel credere nella libertà, nella giustizia e nella risoluzione dei conflitti che colpiscono il Pianeta. Oggi, una delle maggiori roccaforti dell’ingiustizia nel mondo è l’occupazione dei territori palestinesi per mano del governo israeliano. Eppure anche lì può nascere la speranza. E’ una svolta epocale e tutti insieme possiamo esserne parte, portare quella pace e quella libertà di cui entrambi i popoli, così spesso traditi dai loro governi, hanno disperatamente bisogno. Avanti, facciamo vedere di cosa siamo capaci. Con speranza e determinazone,

Alice e il resto del team Avaaz

PER APPROFONDIRE

Video / Palestinian boy upset by father’s arrest garners international media attention (Haaretz)

http://www.haaretz.com/news/national/video-palestinian-boy-upset-by-father-s-arrest-garners-international-media-attention-1.306155

Video / La resistenza non violenza palestinese (RaiNews)

http://www.rainews24.rai.it/it/video.php?id=31949

Nuovi insediamenti israeliani (Repubblica)

http://temi.repubblica.it/limes/nuovi-insediamenti-israeliani/48297

I nuovi negoziati tra Israele e Palestina (Il Post)

http://www.ilpost.it/2013/07/29/nuovi-negoziati-israele-palestina/

Resistenza nonviolenta in Palestina (Pressenza)

http://www.pressenza.com/it/2011/08/resistenza-nonviolenta-in-palestina/

M.O.: tensione diplomatica tra Israele e UE per insediamenti (ADNkronos)

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/MO-tensione-diplomatica-tra-Israele-e-Ue-per-insediamenti_32435570254.html

Cisgiordania, i negoziati di pace non fermano gli insediamenti israeliani

http://www.asianews.it/notizie-it/Cisgiordania,-i-negoziati-di-pace-non-fermano-gli-insediamenti-israeliani-28665.html

Is this where the third intifada will start? (New York Times)

http://www.nytimes.com/2013/03/17/magazine/is-this-where-the-third-intifada-will-start.html?

——————————————————————————–

Avaaz.org è un a rete globale di 25 milioni di persone, che promuove campagne affinché le opinioni e i valori dei cittadini di ogni parte del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali (Avaaz significa “voce” in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; la nostra squadra è distribuita in 18 paesi in 6 continenti diversi e opera in 17 lingue.



FB Comments

comments

Maria Rosa DOMINICI

About

psicologa,psicoterapeuta vittimologa,membro dell'Accademia Teatina delle Scienze,della New York Academy ofSciences,dell'International Ass. of Juvenile and Family Court Magistrates,della Società Italiana di Vittimologia,della W.S.V.,dell'Ass.internazionale di Studi Medico Psico Religiosi.,docente di seminari di sessuologia, criminologia e vittimologia in università Italiane e straniere,esperta per progetti Daphne su tratta di minori e sfruttamento sessuale,creatrice del progetto Psicantropos,autrice di varie pubblicazioni,si occupa di minori e reati ad essi connessi da 40 anni.

Tags | , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

adolescenti adolescenza Africa Ambiente ansa autostima Avaaz azioni bambini bologna Brasil brasile Brazil Carisma Denuncia Dipendenza diritto dominici entrevista famiglia genitori infanzia Manipolazione maria rosa Maria Rosa Dominici minori montes claros padre pedofilia persone Persuasione Prigionia progetto Rapporti interpersonali relazione Sette siria Soggezione psichica Suggestione syria tempo uomo violenza vita vittime

Lingua:

  • Italiano
  • English
  • Português
  • Deutsch

StatPress

All site visited to:
19 luglio 2017: _
Visits today: _
Visitor on line: 0
Total Page Views: _

Social