categoria | Criminologia, Diritti umani, Tratta, Vittimologia

Marco Birolini,L’Avvenire .si vendono i bambini..

Inserito il 14 luglio 2014 da Maria Rosa DOMINICI

In uno scambio recente con il giornalista Marco Birolini che scrive per L’Avvenire mi comunicò ” …. A proposito, giorni fa un’operazione dei carabinieri ha portato alla luce qui a Bergamo il tentativo di vendere un neonato, figlio di una prostituta. L’esempio pratico di ciò che mi aveva detto lei. Le girerò l’articolo.”Ora avendomi inviato l’articolo e avendone ricevuto il permesso inserisco quanto da lui scritto…cosi che si possano vedere ulteriori conferme di ciò che da anni vado dicendo,raccontando e spiegando…come fatti di questo genere siano all’ordine del giorno,grazie
Maria Rosa Dominici

Avvenire 07/03/2014 Copy Reduced to 69% from originai to
fit letter page Page 803

Prostituzione, colpo al racket
Smantellata una rete di cinque gruppi criminali albanesi

Bergamo

Otto persone in cella, nove ai domiciliari e altre nove ricercate Icapi gestivano il business dal
carcere . Le donne, dicono i pm, erano trattate in modo disumano

MARCO BIROLINI
BERGAM O

una rete di sfruttamento im- pressionante». Il procurator e della Repubblica di Bergamo
Francesco Dettori e il suo sostituto Gian Luigi Dettori hanno bollato così il network di cinque
gruppi criminali albanesi (con complicità di romeni e italiani) che da tempo si spartiva il mercato
della prosti­ tuzione nella Bassa.
Ieri i carabinieri l’hanno smantellato: ot­ to persone sono finite in carcere, altret­ tante ai
domiciliari. Altre nove sono ricer­ cate e a 22 è stato imposto ildivieto di di­ mora in provincia.
I pm hanno sottoli­ neato che legiovani donne, quasi tutte ro­ mene, erano spesso trattate «in modo
di­ sumano)).
In una circostanza, una ragazza fu riman­ data in strada poche ore dopo aver parto­ rito ed essere
stata costretta ad abbando­ nare ilfiglio in ospedale. I suoi aguzzini a­ vevano persino pensato di
vendere il piccolo

secondo le intercettazioni (decisive per l’inchiesta) c’era una coppia interes­ sata
all’acquisto e il prezzo era già stato fissato attorno ai 20mila euro.
Un’assenza di scrupoli di cui ilgruppo si vantava sui socia! network: nel suo profi­ lo Facebook,
uno degli arrestati si auto­ definiva “trafficante di carne viva”. I cri­ minali si consideravano
proprietari della strada, al punto da vendere o affittare i va­ ri tratti: per chi piazzava
“abusivamente”

una lucciola erano previste addirittura sanzioni in denaro. Le stesse ragazze era­ no costrette a
pagare 350 euro a settima­ na per un posto sul marciapiede. Le più attraenti potevano invece
esercitare in ca­ sa, con tanto di “book” pubblicato sui siti internet.
I tre capi tiravano le fila del business dal carcere di Bergamo, dove erano già rin­ chiusi per
traffico di armi e droga: «Te­ lefonavano a qualsiasi ora del giorno e del­ la notte dalle loro
celle. Purtroppo le sche­ de telefoniche entrano abitualmente nel penitenziario» hanno spiegato i
pm. Ieri mattina nella struttura è scattata una per­ quisizione a tappeto alla ricerca di telefo­
nini nascosti.
li turpe business dava da vivere anche ad alcuni italiani, incaricati di fare da autisti alle
ragazze per una “tariffa” di trenta eu­ ro. Uno di loro si era sfogato così: «Tra po­ co avrò
guadagnato abbastanza per riti­ rarmi in Romania. Basta con questa vita stressante».



FB Comments

comments

Maria Rosa DOMINICI

About

psicologa,psicoterapeuta vittimologa,membro dell'Accademia Teatina delle Scienze,della New York Academy ofSciences,dell'International Ass. of Juvenile and Family Court Magistrates,della Società Italiana di Vittimologia,della W.S.V.,dell'Ass.internazionale di Studi Medico Psico Religiosi.,docente di seminari di sessuologia, criminologia e vittimologia in università Italiane e straniere,esperta per progetti Daphne su tratta di minori e sfruttamento sessuale,creatrice del progetto Psicantropos,autrice di varie pubblicazioni,si occupa di minori e reati ad essi connessi da 40 anni.

3 Commenti per “Marco Birolini,L’Avvenire .si vendono i bambini..”

  1. Karinne BRAGA FERREIRA karinne scrive:

    Purtroppo le leggi nn proteggono queste persone, obligando a tornate al loro paese cado denunciassero i “capi”. Nn mi sorpreende la vendita del bambino, e un discorso antico ma nn portato sul serio pk bambino nn vuota, nn lavora, nn e priorità governativa. Nn mi stupisce molto meno il fato di trattate le donne in maniera disumana. E solo l’estensione di un discaso, nn considerazione e completa mancanza di interesse per il complesso di problemi che coinvolgono queste donne e bambini invisibili…

  2. Nino Cossu scrive:

    Al peggio non c'è mai fine…Le belve hanno sempre bisogno di nutrimento e carne fresca…Inaudito è apprendere dai media che ancora con orrore nessuno contrasta efficacemente questo straziante abuso.La nostra colpa belluina è quella dell'indifferenza sicuri che nel nostro focolare…"Tanto non accade" Sgomento mi rimetto a chiunque possa fare rispettare l'umanità…come gli struzzi !!!

  3. Maria Rosa Dominici scrive:

    sono passati tanti anni ormai..e mi risuonano sempre nella testa e nel cuore le parole che Violante allora presidente del consiglio,nel congresso mondiale di Magistratura Minorile a Napoli,disse …"i bambini sono merce …per la criminalita trasnazionale organizzata"…ma era il 1997….mi sembrarono terribili e lontane quelle parole…non da noi….INVECE


Lascia un commento

adolescenti adolescenza Africa Ambiente ansa autostima Avaaz azioni bambini bologna Brasil brasile Brazil Carisma Denuncia Dipendenza diritto dominici entrevista famiglia genitori infanzia Manipolazione maria rosa Maria Rosa Dominici minori montes claros padre pedofilia persone Persuasione Prigionia progetto Rapporti interpersonali relazione Sette siria Soggezione psichica Suggestione syria tempo uomo violenza vita vittime

Lingua:

  • Italiano
  • English
  • Português
  • Deutsch

StatPress

All site visited to:
19 luglio 2017: _
Visits today: _
Visitor on line: 0
Total Page Views: _

Social