categoria | Diritti umani, Famiglia e Minori, Pedofilia, Vittimologia

Un negazionismo anche alla Corte UE…? Risoluzioni UE per pedofilia..

Inserito il 09 luglio 2017 da Maria Rosa DOMINICI

Traggo questa informazione…e ne resto sempre piu’ perplessa

“https://www.4minuti.it/citta/tiziano-motti-risoluzione-europea-pedofili-necessita-essere-0080727.html
La risoluzione presentata dal’Europarlamentare Tiziano Motti (sottoscritta da 372 parlamentari europei) propose un sistema di allarme rapido europeo contro i pedofili ed i molestatori sessuali.

Come si mette per i genitori che desiderano avere maggiori tutele per la privacy dei loro figli minorenni e di vederli al riparo dai rischi di una tecnologia che è diventata per i pedofili un’arma affilata rispetto a cui i genitori stessi non hanno possibilità di manovra? Si mette male. Questo almeno verrebbe da dire analizzando il risultato della recente sentenza della Corte europea che ha ritenuto illegittima la Direttiva europea denominata “Data Retention” approvata nel lontano 2006.

La Direttiva, in estrema sintesi, violerebbe la privacy dei cittadini europei. E pensare che l’eurodeputato italiano Tiziano Motti aveva invece ottenuto l’approvazione di una propria iniziativa, diventata nel 2010 una Risoluzione ufficiale del Parlamento europeo, finalizzata ad aumentarne la portata al fine di tutelare i minori dall’assalto dei pedofili, se more più orientato all’uso dei social forum.

L’11 per cento dei ragazzi italiani che frequenta le chat ha avuto almeno un contatto con un pedofilo e tre su quattro non lo rivelano ai genitori per vergogna; il 79% dei minorenni naviga su Internet e di questi solo il 23% e’ accompagnato mentre il 47% dei ragazzi tra 10 e 14 anni che navigano in rete ha immesso foto a sfondo sessuale di se stesso o amici: sono i dati che dimostrano in realtà la necessita’ di un’azione ‘efficace’ di contrasto ad uno dei reati ‘piu’ ignobili che esista’ La risoluzione presentata dal’Europarlamentare Tiziano Motti (sottoscritta da 372 parlamentari europei) propose un sistema di allarme rapido europeo contro i pedofili ed i molestatori sessuali. La proposta, contenuta nella dichiarazione scritta approvata dall’Europarlamento fu illustrata anche a Montecitorio (http://www.adiantum.it/public/836-tiziano-motti-(parlamento-ue)–ora-un-sistema-allarme-ue-contro-gli-abusi-on-line.asp) Il sistema, che non rimase indenne da critiche ma ottenne numerosi consensi anche da chi combatte la pirateria informatica, proponeva di rendere immediatamente tracciabile l’immissione nella rete di materiale pedo-pornografico e far scattare un allarme per la Commissione europea a sua volta gli Stati membri evitando che chi abusa di Internet possa utilizzare il principio di liberta’ di circolazione negli Stati membri per darsi alla fuga e sottrarsi alle proprie responsabilità’.

Gli europarlamentari, che rappresentano i cittadini europei, dovranno oggi rimettere tutto in discussione, con buona pace dei genitori e delle Forze dell’Ordine che dal 2010 ad oggi, malgrado l’approvazione della Risoluzione parlamentare, non hanno ricevuto dall’europa nuovi strumenti per tutelare i loro bambini.. Il Giornale di Reggio Edizione del 24/06/2017 ”

Letto ciò mi chiedo…l’allarmismo da una parte,visto la quotidianità e quantità dei fatti collegati a questi comportamenti criminosi…e il negazionismo per rispetto della privacy dall’altra,
questo comunque è un discrimine a scapito della vittima,tuteliamo sempre e comunque l’agressore,mi sto stancando di questo assurdo paradosso,mi fa venire in mente al lupo,al lupo…poi quando accade non c’è nessuno o c’è il finto pianto corale di Stato,il sollevamento delle pseudocoscienze,ma nulla di fatto,leggi coraggiose sono state fatte,alcune volte vengono applicate,altre, molto piu’ spesso, vengono omesse nella loro giusta applicazione.
CONTINUO A CHIEDERMI A CHI GIOVA TUTTO CIò,
AD INCREMENTARE IL PROFITTO?,
E QUESTO PROFITTO INCREMENTA IL CRIMINE?,
AI DIRITTI DEI MINORI,E LA TUTELA DELL’INFANZIA DA CHI E’ DI DOVERE?
QUANTE?
..E DOVE?
,QUESTE COMPLICITà?
grazie
maria rosa dominici



FB Comments

comments

Maria Rosa DOMINICI

About

psicologa,psicoterapeuta vittimologa,membro dell'Accademia Teatina delle Scienze,della New York Academy ofSciences,dell'International Ass. of Juvenile and Family Court Magistrates,della Società Italiana di Vittimologia,della W.S.V.,dell'Ass.internazionale di Studi Medico Psico Religiosi.,docente di seminari di sessuologia, criminologia e vittimologia in università Italiane e straniere,esperta per progetti Daphne su tratta di minori e sfruttamento sessuale,creatrice del progetto Psicantropos,autrice di varie pubblicazioni,si occupa di minori e reati ad essi connessi da 40 anni.

Lascia un commento

adolescenti adolescenza Africa Ambiente ansa autostima Avaaz azioni bambini bologna Brasil brasile Brazil Carisma Denuncia Dipendenza diritto dominici entrevista famiglia genitori infanzia Manipolazione maria rosa Maria Rosa Dominici minori montes claros padre pedofilia persone Persuasione Prigionia progetto Rapporti interpersonali relazione Sette siria Soggezione psichica Suggestione syria tempo uomo violenza vita vittime

Lingua:

  • Italiano
  • English
  • Português
  • Deutsch

StatPress

All site visited to:
21 settembre 2017: _
Visits today: _
Visitor on line: 1
Total Page Views: _

Social